Biography

Chemsonic project is the Italian Tribute to Placebo.
Everything starts in the early 2009, the lineup had been playing togheter for 2 years and realized that Marco have a flair for Brian Molko voice. Matteo on keyboards, Leonardo on bass and Edoardo on drums complete the picture of this new band. We searched for a guitar player and Mattia with his meticulouse passion for effects was the Chemsonic's definitely and unanimous choice.
On February 2009 the band started to play in studio, trying also to recreate the atmosphere of a real Placebo show.
The adventure started in May with the first gig, followed by a crowded calendar in many places and locations.
Now, we are gigging in 2010, and this is the next challenge for Chemsonic to grow up more and more, reaching the perfection of the tipycal Placebo rock show.
Feel free to contact us, if you're interested in Chemsonic gigs, bookings and generic informations.

Biografia

Il progetto Chemsonic nasce nei primi mesi del 2009. La formazione base fa rock da un paio di anni e Tommaso (al basso) aveva notato in Marco (vox) una certa propensione per la timbrica di Brian Molko, i suoni taglienti del synth di Matteo (keyb) si adattavano molto al sound Placebo, il groove di Edoardo (drums) cresceva e si avvicinava sempre di più allo stile ritmico dei Placebo.
Tommaso presto esce dal gruppo per motivi personali, la nuova formazione prevede Leonardo al basso per un sound potente, Matteo alle tastiere e seconda chitarra, Edoardo alla batteria e alla voce il nostro Marco Molko.
Cerchiamo un chitarrista solista e fa il suo ingresso nella band Mattia che con la sua Gibson SG e la sua meticolosa attenzione agli effetti porta il pezzo di sound che mancava e siamo alla formazione attuale.
A febbraio 2009 in sala prove tiriamo su i pezzi, cercando di mantenere il più possibile la fedeltà alle versioni che i Placebo hanno concepito per i loro live, ricreando le stesse atmosfere che rendono affascinanti le loro canzoni e formiamo un repertorio che ci permetta di affrontare un concerto. L'avventura ha inizio nel maggio del 2009 con il primo concerto. Segue un calendario serrato e ad ogni esibizione accresciamo la nostra esperienza.
Nel frattempo esce il nuovo album "Battle for the Sun", lo assaporiamo soddisfatti e nell'imbarazzo della scelta, inseriamo in scaletta alcuni brani. Suonando i Placebo ci accorgiamo subito che lo stile compositivo sta evolvendo verso forme espressive più complesse, non è un problema, abbiamo tutti gli elementi per eseguire i pezzi come un Tributo deve fare e la sfida è aperta.
Da segnalare un'interessante esperienza Unplugged in cui la band reinterpreta tutto il repertorio in chiave semiacustica, destando un'ottima impressione nel pubblico. Proseguono i concerti, affinando sempre più il "rock show" e siamo nel 2010, con un bel calendario e tante belle serate da costruire.
A febbraio 2010, ha inizio la produzione dei nuovi demo, quelli che ora trovate sul player del MySpace. Il nostro obbiettivo era di rendere in qualità "studio" esattamente ciò che noi suoniamo sul live, quindi senza suoni aggiuntivi a quella che è la nostra prestazione dal vivo (salvo chiaramente le variazioni di versioni), dove del resto non usiamo campionature, tutto è rigorosamente suonato sullo strumento.